Fondazione AIRC

Content Partner

PARTNERS
PARTNERS

Fondazione AIRC

Content Partner

La Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro rappresenta il primo polo privato di finanziamento della ricerca indipendente sul cancro in Italia, a cui ha destinato oltre 1 miliardo e seicento milioni di euro in oltre 55 anni. Grazie alla fiducia di 4,5 milioni di sostenitori e all’impegno di 20.000 volontari, per il 2021 ha messo a disposizione della comunità scientifica italiana oltre 125 milioni di euro per sostenere 622 progetti di ricerca, 71 borse di studio, 22 programmi speciali e lo sviluppo delle attività di IFOM, centro di eccellenza internazionale per lo studio dell’oncologia molecolare.

 

Il cancro è una priorità a livello mondiale: solo nel nostro Paese nell’ultimo anno sono stati diagnosticati 377.000 nuovi casi di tumore, più di 1000 al giorno. Per incidere su questi numeri AIRC sostiene con continuità il lavoro di oltre 5.000 scienziati, il 61% donne e il 51% con meno di 40 anni*. La loro attività si svolge prevalentemente in strutture pubbliche – laboratori di università, ospedali e istituzioni scientifiche – con un beneficio tangibile per i sistemi della ricerca e della sanità del Paese. Fondazione AIRC è inoltre impegnata a diffondere l’informazione scientifica, promuovere la cultura della prevenzione nelle case, nelle piazze e nelle scuole e rappresenta un punto di riferimento per la collettività e fonte autorevole su questi temi.

 

Fondazione AIRC nasce nel 1965 con il nome di “Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro”. In quegli anni la parola cancro era impronunciabile e l’idea di fare ricerca in questo ambito era considerata da alcuni una sfida, da molti una follia. Ma fu il coraggio, e non la follia, a guidare i soci fondatori, tra i quali Giuseppe Della Porta e Umberto Veronesi, che con AIRC crearono in Italia la prima nonprofit per il finanziamento della ricerca scientifica, interamente sostenuta dalle donazioni dei privati e dei singoli cittadini. Durante la lunga presidenza di Guido Venosta, AIRC rafforza la rilevanza nazionale e la sua capillarità sul territorio con la creazione di 17 comitati regionali. A lui si deve anche l’istituzione di un prestigioso premio scientifico dedicato allo studio e alla ricerca di nuovi approcci terapeutici alle neoplasie, che dopo la sua scomparsa prende il suo nome e che viene consegnato dal Presidente della Repubblica al Quirinale.

 

AIRC negli anni si è distinta per il continuo sviluppo sia sul piano scientifico, sia nell’ambito della raccolta fondi e della comunicazione, ideando e potenziando numerose iniziative locali e campagne nazionali molto amate, come le Arance della Salute a fine gennaio, l’Azalea della Ricerca a maggio in occasione della Festa della Mamma, il Nastro Rosa a ottobre e i Giorni della Ricerca a novembre.

 

Dal 2019 l’Associazione diventa “Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro”, in assoluta continuità con la sua storia, per rispondere alle nuove disposizioni introdotte dalla Riforma del Terzo Settore.